lunedì 28 settembre 2009

Lo Gnocco Fritto!

E’ tradizione nella famiglia di mia moglie, ritrovarsi verso la fine di settembre con tutti i parenti vicini e lontani, a Fontanellato vicino a Parma; assistere alla messa presso il Santuario Basilica Beata Vergine del Santo Rosario e fermarsi a mangiare lo gnocco fritto e i salumi e i formaggi del luogo che sono rinomati in tutta Italia, sto parlando del Culatello di Zibello, il Prosciutto di Parma, il salame proveniente dal maiale nero (un ritorno della tradizione a discapito della grande distribuzione) e il Parmigiano Reggiano.
Negli anni passati questo ritrovo famigliare finiva presso uno dei ristoranti del luogo ma in questi ultimi anni sia la mia famiglia che quella di mia moglie abbiamo deciso di pranzare nei giardini del paese in compagnia dello gnocco fritto e i suoi amici che ci lasciano sempre un ricordo indelebile per tutto l’anno.

video

video






venerdì 25 settembre 2009

Una cena Clandestina!


Io e Sonia abbiamo passato mesi a programmare un aperitivo /cena al Clandestino di Moreno Cedroni, chef pluri stellato di Senigallia, ma tra problemi vari e impegni abbiamo deciso di optare per settembre come periodo per andare.





Sonia ha talmente insisito per far fare a me e mia moglie questa esperienza che alla fine mi aveva talmente coinvolto che non vedevo l'ora di poterci andare.





Il clandestino veniva descritto da lai come un posto unico sia come location che come esperienza culinaria.



Eravamo stati da Moreno alla Madonnina del Pescatore l'anno scorso perchè i miei suoceri ci avevano regalato per l'anniversario di matrimonio una cena che si è trasformata in un percorso degustativo emozionale, quindi gia sapevo dove sarei andato, ma volevo vedere come la location potesse influire sui nostri sensi visivi, gustativi e olfattivi.







Una volta lasciati i figli in bune mani siamo partiti con destinazione Portonovo vicino ad Ancona, è la priva volta che usciamo con Sonia e Marco, che conoscevamo da poco e in maniera superficiale.




Come accade di solito, non c'è niente di meglio di una cena per potersi conoscere meglio, vista poi la passione che ci lega per il cibo e il suo legame con la convivialità, la serata non poteva che trasformarsi in un momento di magia.



Come immaginavo la vista e l'emozione del posto non ha condizionato la nostra percezione del cibo ma ha solo ampliato la nostra mente e il nostro cuore per ricevere il più possibile le senzazioni del piatto proposto senza modificarne i sapori e gli odori.
Cosa dire della location, dovete andare, sembra di stare in un isola deserta dove il mare ti avvolge e dove l'intimità regna.

mercoledì 23 settembre 2009

Lo Spaghetto alla Mariani

Il piatto che ha avuto più successo quest'estate è stato senza ombra di dubbio lo Spaghetto alla Mariani.
I clienti dell'albergo Miramare Inn di Marotta, dove ho lavorato quest'estate sono stati colpiti molto dalla semplicità e dal gusto estivo che questo piatto ha.
La ricetta è una rivisitazione del classico spaghetto aglio, olio e peperoncino, aggiungo nel soffritto i pomodori pendolini tagliati in quattro parti uguali e li lascio appassire, in fine aggiungo una mestolata di salsa pomodoro per dare colore.
Salto la pasta al dente facendo in modo di amalgamare bene la salsa, nel servire aggiungo un'abbondante spolverata di noci e prezzemolo tritati e il gioco è fatto.
Le dosi sono a piacere ma credo che l'unica difficoltà è dare un giusto equilibrio di olio, peperoncino, pomodoro e noci per rendere questo piatto un capolavoro di semplicità e gusto.
Sono sicuro di aver accontentato tutti quelli che volevano la ricetta.